In questa pagina pubblichiamo man mano le poesie di Nonna Angelica , sperando di far respirare anche a voi un pò di quel clima di semplicità e spensieratezza che era proprio 
delle nonne del tempo che fu.

Ci teniamo a dire che non si tratta di una vera poetessa 
ma di una cara nonnetta nata a inizio '900 
che si dilettava a scrivere su un suo quaderno!


CADE LA SERA

Cade la sera
Tramonta il sol
sotto i suoi raggi
si chiudono i fior
ma presto vien l'alba
dicono in cor
e tutti guardano
se spunta il sol
col suo calor
e i raggi d'or
 

AVEVA GLI OCCHI NERI

Aveva gli occhi neri
e i  capelli color dell'or 
la incontravo sempre 
al ritorno dal lavor
Ma un giorno la fermai
e le chiesi come mai
tutti i giorni a quell'ora
lei passava accanto a me
Mi sorrise e mi guardò
e negli occhi mi fissò
Da questa strada passerò
finchè il mio amore troverò


LA LUCIA
La Lucia è una donnetta
che cammina semper in fretta
e la parla del so can
cun la scua semper in man

El can de la Lucia
 el gira semper per la via
in cerca di avventura
come il signor Bonaventura

Lei lo ciama tut el di
ven a casa Rififi
ma el can el ga paura
perchè la scua a l'è un po dura

Rififi el ven pian pian
cun la cua a punzulun
el ghe guarda a la Lucia
cume a dumanda perdun



MIA BELLA MILAN

Milan mia bella Milan

El risot gial cont el zaferan

La salasiccia e i spesatin

Cun le butigle del buon vin

che el ga in cantina el Luisin

I bei salamin cald

Cunt i peverum

 i usue scapà

Cunt un bel pulenti

O che bel mangià in quel usteria

le tutta una vita le tutta un’allegria

Milan l’è una città de miga dimentica
cun la buseca el panettun

sem milanes propi de bun







GIACOMINO

Giacomino il pescator 
a pescare se ne va
la sua rete vuol gettare
perchè i peschi vuol pescare

Ma i pesci sono furbi,
non si lasciano pescar

Giacomino il pescatore
la sua rete vuol tirar

Ma tira tira tira
la rete si incagliò
lui cadde sulla riva e si addormentò

Dall'acqua i pesciolin
facevan capolin
cantando tutti in cor
la ninna nanna la pescator



MAGGIO

Era di Maggio e il sole non c'era
in cielo le nuvole e l'acqua cadeva,
cadeva sui prati,
cadeva sui fior,
...
cadeva sui tetti facendo rumor.
A un tratto il vento le nubi cacciò
e all'orizzonte il sole spuntò
asciugò l'acqua dai prati e dai fior,
tornò l'aurora con i suoi color,
le rondini sul tetto facevano il cor
era di Maggio il mese dei fior



I BAMBINI

I bambini son come farfalle dagli svariegati color
Si rincorrono gridando , giocando tutti in cor
Sono allegri e spensierati
Fanno la mamma e il papà
Se la bambola fa i capricci 
in castigo metteran.


 








 
 

 

Evviva le nonne!

 
Seguici anche sulla nostra pagina facebook Tempochefù!!
  Site Map